Fetishmania: i buoni i brutti i cattivi

15_20100423111603_bender

Le sempre maggiori informazioni presenti in rete e il sempre maggiore interesse dei chitarristi per il vintage dei poveri hanno portato il mercato all’offerta di repliche di tutte le forme e i colori, più o meno fedeli ai mitici strumenti europei degli anni ’60. Andiamo a vedere cosa offre il mercato e alcuni aspetti del fenomeno che per alcuni versi, quello razionale, appare paradossale. Ma siamo nel campo del feticismo, diamine!

vai all’articolo http://chitarra.accordo.it/article.do?id=71090